La mission di Bambini nel Deserto è quella di migliorare, attraverso azioni dirette e concrete, le condizioni di vita dei bambini del Sahara e del Sahel.

scrivi a bambinideserto@volerai.it

Luca Iotti fonda Bambini nel Deserto nel 2000. Appassionato motociclista, fin dal 1995 trascorre le sue vacanze esplorando le piste del Sahara, portando con sé solo il minimo indispensabile (uno zaino, qualche capo di ricambio, una riserva d’acqua) per raggiungere ogni sera un villaggio o un’oasi dove poter trovare cibo e carburante. Trasferimenti veloci, per arrivare alla destinazione successiva prima del buio. Nel 2000 Luca compie gli stessi itinerari in fuoristrada. Bambini scalzi e con i vestiti a brandelli lo raggiungono ad ogni fermata. Scopre che il deserto non è solamente una distesa di pietre e sabbia da attraversare velocemente, ma un luogo abitato da popolazioni la cui quotidianità è sempre in bilico tra il vivere e il sopravvivere. Decide così di tornare prima dell’inverno, per cercare almeno di alleviare le durissime condizioni di vita di quei bambini portando loro capi d’abbigliamento e calzature. La prima spedizione di Bambini del Deserto prende il via il 25 settembre 2000 con destinazione il Marocco. Un veicolo, due persone, un carico di materiale enorme e poche certezze. A quella prima spedizione ne sono seguite molte altre…

 

LA STORIA DELL’ORGANIZZAZIONE

L’organizzazione umanitaria Bambini nel Deserto (BnD) nasce come Associazione di Volontariato e ONLUS (Organizzazione Non Lucrativa di Utilità Sociale) nel 2000 ed è riconosciuta dal Comune e dalla Provincia di Modena e dalla Regione Emilia Romagna. La crescita dell’organizzazione è andata di pari passo con la consapevolezza delle difficilissime condizioni in cui vivono i bambini in Africa. Nel 2001 Bambini nel Deserto inizia la realizzazione di opere idriche, scuole e infermerie nel Sahel. A partire dal 2004 BnD si diffonde al di fuori del territorio modenese e vengono aperte le prime sedi in altre città italiane. Nel 2008 BnD viene riconosciuta come ONG (Organizzazione Non Governativa) dagli Uffici della Cooperazione Internazionale del Ministero degli Affari degli Esteri italiano e dal Governo del Burkina Faso, mentre nel 2009 BnD si accredita presso la Comunità Europea e dotata d’iscrizione al PADOR, il codice delle organizzazioni che possono accedere ai bandi della Commissione Europea. BnD festeggia il compimento dei dieci anni con il riconoscimento come ONG anche dai governi della Mauritania e del Marocco.

 

I SETTORI D’INTERVENTO

Bambini-desertoL’organizzazione si è dotata di una struttura flessibile e dinamica che, seppur composta da personale prevalentemente volontario, è in grado di portare avanti progetti e programmi in 6 settori d’intervento: 1. Acqua 2. Cibo – Autonomia Alimentare 3. Sanità 4. Istruzione e infanzia 5. Sviluppo Economico e Microcredito 6. Migrazioni La filosofia secondo cui operiamo mira ad ottenere la massima collaborazione e condivisione da parte delle comunità beneficiarie. Acqua Realizziamo pozzi, ristrutturiamo quelli caduti in disuso e provvediamo a sostituire le pompe. Costruiamo acquedotti, dighe e canalizzazioni per l’approvigionamento idrico. Lottiamo contro la desertificazione con progetti di riforestazione portati avanti insieme alle comunità beneficiarie. Cibo – Autonomia Alimentare Impiantiamo coltivazioni comunitarie e organizziamo allevamenti di animali da pascolo. Nelle nostre scuole sono stati realizzati orti scolastici; grazie a questi i bambini e i loro insegnanti possono coltivare piccoli appezzamenti di terreno i cui frutti vanno a integrare la dieta scolastica e apprendere le tecniche agricole di base. Sanità Costruiamo infermerie e dispensari, li arrediamo, attrezziamo e recapitiamo veicoli le emergenze mediche. Organizziamo spedizioni di personale sanitario italiano, corsi d’igiene di base per le popolazioni e finanziamo corsi di specializzazione per il personale medico locale. Istruzione e Infanzia Realizziamo e ristrutturiamo scuole, orfanotrofi e case-famiglia secondo le normative dei paesi dove operiamo, appoggiandoci a imprese locali invitate a far partecipi dei lavori di costruzione anche gli adulti dei villaggi beneficiari delle opere. In questo modo riduciamo i costi di manodopera e i tempi di realizzazione, valorizzando la consapevolezza e le capacità dei beneficiari. Promuoviamo e finanziamo attività formative per gli insegnanti e progetti finalizzati al miglioramento dei risultati scolastici; realizziamo progetti di sostegno allo studio per alunni in difficoltà socio-famigliari, con particolare attenzione alle ragazze. Svolgiamo attività formative di intercultura e di educazione allo sviluppo nelle scuole italiane. Sviluppo Economico e Microcredito Attraverso operazioni di microcredito finanziamo la nascita di cooperative agricole e artigianali; lo scopo di questa attività è quello di rendere economicamente indipendenti le comunità presso le quali interveniamo e consentire loro di auto sostenere le scuole e le infermerie realizzate insieme. Le cooperative sono nella quasi totalità dei casi costituite dalle donne: serie, motivate e affidabili sono loro il futuro dell’Africa. Migrazioni Dopo 10 anni d’attività BnD non poteva non porsi degli interrogativi sull’argomento della Migrazione, essendo i nostri obiettivi l’aiuto allo sviluppo economico, l’alfabetizzazione, la sanità, attraverso la collaborazione con le comunità beneficiarie. Da ciò è nato un nuovo settore d’intervento che è fondamentale, e quindi alla base, altresì per lo sviluppo degli altri settori. Tutto ciò si è tradotto in un unico progetto denominato Programma Exodus, il cui obiettivo è trovare strategie alternative alla migrazione che permettano alla popolazione locale di non dover lasciare il luogo di origine, ma bensì di contribuire attivamente alla crescita della comunità di riferimento del proprio territorio. L’organizzazione in numeri 5 Sedi legali: Modena, Torino, Firenze, Grosseto, Trento in fase di riconoscimento. 5 Sedi operative: Modena, Milano, Ancona, Roma, Venezia 12 Paesi beneficiari: Marocco, Mauritania, Senegal, Mali, Burkina Faso, Ghana, Togo, Benin, Niger, Ciad, Camerun, Congo (Kinshasa). 15 Corrispondenti all’estero, 1 stagista all’estero, 3 persone a contratto 90 tra Soci e Volontari 300 Progetti realizzati o in corso di completamento al 31.12.2011 Risorse economiche e Bilanci Bambini nel Deserto trae i fondi per la realizzazione di Progetti e Programmi e la Gestione attraverso la partecipazione a bandi provinciali e regionali, a oggi gli enti che hanno principalmente contribuito sono: Provincia di Modena, Grosseto, Venezia, Pescara. Regione Emilia Romagna e Veneto. Tra i finanziatori di BnD vi sono alcune tra le più importanti fondazioni italiane tra cui: Fondiaria SAI, Cariplo, Marcegaglia, Rita Levi Montalcini. Alcuni dei più importanti progetti realizzati da BnD sono stati finanziati da diverse agenzie delle Nazioni Unite come UNDP, UNICEF e WFP/PAM. Restano comunque i cittadini, e non solo italiani i principali sostenitori di Bambini nel Deserto I bilanci di BnD, sottoposti ogni anno alla verifica di un revisore dei conti esterno all’organizzazione, sono resi pubblici e scaricabili dal sito www.bambinineldeserto.org.

Scrivi