Missione Perù

In Perù, i Salvatoriani Laici Italiani che rappresentano il ramo laico della Famiglia Salvatoriana, hanno realizzato  una mensa scolastica che tutt’ora si continua a sostenere. Tale opera si è resa necessaria per poter garantire la formazione scolastica ai bambini dei villaggi appartenenti alla zona povera di Uchugaga, poiché i loro genitori non li mandavano a scuola perché non avevano i soldi per farli mangiare.

Ora è sorta un’altra necessità, quella di costruire un ambulatorio ed una cisterna per l’acqua e per questo abbiamo bisogno dell’aiuto di tutti.

Lettera spedita dalla missionaria salvatoriana Celina Padilla Castro, direttrice della missione.

 

RELAZIONE SULLA MENSA E I SERVIZI PER  UCHUGAGA

• Le strutture attuali sono completamente in uso. (I bambini sono ben nutriti, ma con molte macchie bianche sulla pelle, viso, braccia, ecc. Non sappiamo perché).
• Sono stati bene accuditi.

Dall’ultima visita:
– Le pareti sono state rivestite di cemento ed anche imbiancate.
– Gli scarichi sono stati migliorati
– Sono stati montati gli scoli sul tetto per la pioggia
– E’ stato realizzato un muro di contenimento di cemento di 18 metri per 2
– E’ stato realizzato un cancello di metallo per l’entrata.
– Con l’aiuto del comune, è stato livellato tutto il terreno circostante, per la realizzazione attuale e quelle future.
– Tutto questo ha comportato un esborso da parte della comunità di Uchugaga di circa 25.000 soles. ($ 9.615 pari a € 6.867 ) ma è una spesa molto importante per tutti i bambini dei poveri villaggi circostanti che vengono a scuola anche per mangiare.
[Nella mensa  a metà mattina e dopo il pasto principale. Ci sono circa 60 bambini]. Una decina di bambini provenienti da villaggi più distanti, dal lunedi al venerdì, restano a dormire da alcune famiglie di Uchugaga per rendere la vita più facile.

 

NUOVE ESIGENZE:

Nel progetto non è contemplata la costruzione di una cisterna per l’acqua. Il villaggio non ha acqua corrente per più di due ore al giorno e spesso si resta senza acqua da bere. La gente si lamenta perché la mensa dei  bambini utilizza troppa acqua e non ne rimane  per i bisogni normali. Per risolvere questo problema sarà sufficiente acquistare 500 metri di tubo in pvc, interrarli e realizzare una cisterna per raccogliere l’acqua,  per una spesa di circa 8.000 soles ($ 3.076 o € 2.197).
Con quest’opera, oltre all’acqua da bere e per lavarsi, avremmo anche l’acqua per irrigare e coltivare, contribuendo così a autosostenere la mensa della scuola. E’ sorprendente come in una zona arida come Uchugaga, nelle aree dove c’è acqua i terreni sono molto produttivi.